[Maker Story] Un mappamondo fatto a mano (e laser)

Il mappamondo di Agostino Faravelli è un vero esempio di artigianato “vecchia scuola”, in cui gran parte del lavoro viene fatto a mano e la lavorazione digitale interviene solo per semplificare alcuni passaggi.

Per realizzare il suo mappamondo Agostino ci ha chiesto di utilizzare due tipi di legno non presenti nel nostro catalogo: wengé e faggio da 2mm. Il disegno digitale, realizzato con Autocad e successivamente esportato in formato compatibile con la Personal Factory®, conteneva la mappa da incidere sul legno, suddivisa in 24 spicchi.

Gli spicchi sono stati successivamente piegati, incollati, levigati e stuccati con cera colorata, fino ad ottenere l’effetto desiderato.